Cosa stai cercando?
In che provincia?
In che date?
 

TEATRO FILARMONICO - Piove di Sacco (PD)

Piazza Giacomo Matteotti, 5/7, 35028 Piove di Sacco PD

Padova

Piazza Giacomo Matteotti, 5/7, 35028 Piove di Sacco PD

https://teatrofilarmonico.squarespace.com/

Nel 1861 nasce a Piove di Sacco la Società del Teatro Filarmonico con l’obiettivo di dare alla città il suo teatro.

I lavori per la sua costruzione iniziano nel 1862 con il progetto attribuito all’ingegnere Giuliano Facchineti e la decorazione dell’artista Giovanni Battisti Tessari. La bellissima sala teatrale, ospitata al primo piano, è composta dalla platea e da una galleria, sorretta da eleganti colonnine in ghisa e delimitata da una balaustra decorata su carta. Di particolare interesse è il soffitto realizzato nel 1892 dal pittore chioggiotto Giuseppe Ponga, raffigurante Apollo, dio della musica e della poesia, e le muse Euterpe e Talia, accompagnati da putti recanti cartigli con i nomi dei compositori più famosi. Nell’attiguo foyer, invece, sono collocate opere della pittrice Fiore Brustolin Zaccarian. I camerini, posti al secondo piano sono stati costruiti negli anni Novanta dell’Ottocento.

MyArteven
Cosa stai cercando?
In che provincia?
In che date?
 

TEATRO FILARMONICO - Piove di Sacco (PD)

Piazza Giacomo Matteotti, 5/7, 35028 Piove di Sacco PD

Padova

Piazza Giacomo Matteotti, 5/7, 35028 Piove di Sacco PD

https://teatrofilarmonico.squarespace.com/

Nel 1861 nasce a Piove di Sacco la Società del Teatro Filarmonico con l’obiettivo di dare alla città il suo teatro.

I lavori per la sua costruzione iniziano nel 1862 con il progetto attribuito all’ingegnere Giuliano Facchineti e la decorazione dell’artista Giovanni Battisti Tessari. La bellissima sala teatrale, ospitata al primo piano, è composta dalla platea e da una galleria, sorretta da eleganti colonnine in ghisa e delimitata da una balaustra decorata su carta. Di particolare interesse è il soffitto realizzato nel 1892 dal pittore chioggiotto Giuseppe Ponga, raffigurante Apollo, dio della musica e della poesia, e le muse Euterpe e Talia, accompagnati da putti recanti cartigli con i nomi dei compositori più famosi. Nell’attiguo foyer, invece, sono collocate opere della pittrice Fiore Brustolin Zaccarian. I camerini, posti al secondo piano sono stati costruiti negli anni Novanta dell’Ottocento.