Cosa stai cercando?
In che provincia?
In che date?
 

AUDITORIUM S. NICOLO' - Chioggia (Ve)

Calle San Nicolò, 30015 Chioggia VE

Venezia

Calle San Nicolò, 30015 Chioggia VE

Situato nell'omonima calle del centro storico di Chioggia, che confluisce nella piazza in corrispondenza del lato nord del Palazzo municipale, è ricavato dalla ristrutturazione dell'antica chiesa del complesso conventuale dell'ordine degli Agostiniani, che comprende anche l'adiacente convento utilizzato come scuola materna. Si tratta dell'edificio religioso più antico tra quelli tuttora esistenti in città, che risale al 1211, ed è dedicato al santo protettore dei calafati, costruttori di barche. I padri Eremitani di Sant'Agostino officiarono in questa chiesa fino al 1772, anno in cui venne soppresso l'attiguo convento che passò in proprietà alla nobile famiglia dei Fattorini. Il convento poi passò al pio conservatorio delle Zitelle. L'impianto dell'edificio dal tetto a capriate lignee, sostenute da piedritti in legno alla stessa maniera degli edifici medioevali presenta impronte gotiche, tra cui gli archetti pensili ad ogiva sotto la spiovenza del tetto e nella linea del portale d'ingresso ed anche alcune tracce di affreschi di scuola giottesca. Un tempo conservava anche preziose tele di artisti veneti del periodo manierista, poi sistemate in altre chiese cittadine. Ridotto per molti anni a magazzino comunale, negli anni '80 è stato oggetto di un laborioso progetto di restauro conservativo finalizzato a creare un auditorium cittadino. L'edificio ha un'ottima acustica e si presta ottimamente a concerti di musica classica e corale, ma anche a conferenze e non complesse rappresentazioni teatrali.

MyArteven
Cosa stai cercando?
In che provincia?
In che date?
 

AUDITORIUM S. NICOLO' - Chioggia (Ve)

Calle San Nicolò, 30015 Chioggia VE

Venezia

Calle San Nicolò, 30015 Chioggia VE

Situato nell'omonima calle del centro storico di Chioggia, che confluisce nella piazza in corrispondenza del lato nord del Palazzo municipale, è ricavato dalla ristrutturazione dell'antica chiesa del complesso conventuale dell'ordine degli Agostiniani, che comprende anche l'adiacente convento utilizzato come scuola materna. Si tratta dell'edificio religioso più antico tra quelli tuttora esistenti in città, che risale al 1211, ed è dedicato al santo protettore dei calafati, costruttori di barche. I padri Eremitani di Sant'Agostino officiarono in questa chiesa fino al 1772, anno in cui venne soppresso l'attiguo convento che passò in proprietà alla nobile famiglia dei Fattorini. Il convento poi passò al pio conservatorio delle Zitelle. L'impianto dell'edificio dal tetto a capriate lignee, sostenute da piedritti in legno alla stessa maniera degli edifici medioevali presenta impronte gotiche, tra cui gli archetti pensili ad ogiva sotto la spiovenza del tetto e nella linea del portale d'ingresso ed anche alcune tracce di affreschi di scuola giottesca. Un tempo conservava anche preziose tele di artisti veneti del periodo manierista, poi sistemate in altre chiese cittadine. Ridotto per molti anni a magazzino comunale, negli anni '80 è stato oggetto di un laborioso progetto di restauro conservativo finalizzato a creare un auditorium cittadino. L'edificio ha un'ottima acustica e si presta ottimamente a concerti di musica classica e corale, ma anche a conferenze e non complesse rappresentazioni teatrali.